"The Expressionless": chi è la donna raffigurata nella foto della famosa creepypasta?

"The Expressionless": chi è la donna raffigurata nella foto della famosa creepypasta?

The Expressionless, significa letteralmente “L’Inespressiva”.

Famosa già per la storia di per sé, angosciante e raccapricciante al punto giusto, “The Expressionless” si è guadagnata il posto nel corridoio delle creepypasta più memorabili grazie soprattutto all’immagine che viene allegata ogni volta che viene copia-e-incollata nei siti.

Ma qual è la storia della foto? Chi sono le due donne? Quella “persona” inespressiva è… un essere umano?

La storia

Il racconto, tradotto, recita quanto segue:

Nel Giugno del 1972, una donna arrivò nell’ospedale Cedar Senai senza aver nulla eccetto un abito coperto di sangue. Il fatto in sé non dovrebbe sorprendere dato che le persone hanno spesso incidenti nelle vicinanze e si recano all’ospedale più vicino per delle cure mediche.
Ma ci furono due elementi che causarono disgusto e fughe in preda al terrore alle persone che la videro.

Il primo, è che lei non era esattamente un umano. Somigliava a qualcosa di simile ad un manichino, ma aveva movimenti e modi di un normale essere umano. La sua faccia assomigliava ad un manichino, priva di sopracciglia ed immersa nel make up. Aveva un gattino tra i denti. Le sue mascelle erano strette in maniera innaturale intorno ad un punto nel quale i denti stessi non potevano essere visti; il sangue stava ancora colando sul suo vestito e sul pavimento. In seguito, lo tirò fuori dalla bocca, lo gettò via e collassò.

Dal momento in cui attraversò l’entrata fin quando fu portata in una camera dell’ospedale e pulita prima di essere sedata, era completamente calma, inespressiva ed immobile. I dottori pensarono che sarebbe stato meglio trattenerla fino a quando le autorità non sarebbero arrivate e lei non avrebbe potuto protestare. Essi furono incapaci di ottenere alcun tipo di risposta da lei e molti membri dello staff si sentirono a disagio nel guardarla direttamente negli occhi per più di pochi secondi.

Quando lo staff secondario provò a sedarla, lei reagì con estrema forza. Due membri dello staff la tennero sdraiata quando il suo corpo si alzò dal letto con la stessa espressione vuota.

In seguito girò lo sguardo verso il dottore e fece qualcosa di insolito. Sorrise.

Come lo fece, la dottoressa urlò ed uscì fuori per lo shock. Nella bocca della donna non c’erano denti umani, ma delle lunghe punte taglienti. Troppo lunghe affinché la sua bocca si chiudesse senza provocare alcun danno.

Il dottore la fissò un attimo prima di chiedere “Che diavolo sei?”
Ella inclinò il collo fino alla spalla per continuare ad osservarlo, continuando a sorridere.

Ci fu una lunga pausa, la sicurezza fu allertata e si sentiva arrivare lungo il corridoio.

Come lui la sentì, lei scattò in avanti, affondando i denti nella parte anteriore della gola del dottore, strappandogli la giugulare e lasciandolo cadere per terra, ansimante, mentre veniva soffocato dal proprio sangue.
Si alzò e si chinò su di lui, avvicinando pericolosamente la sua faccia verso quella del dottore, mentre la sua vita svaniva dai suoi occhi.
Lei si avvicinò e gli sussurrò in un orecchio.

“Io… sono… Dio.”

Gli occhi del dottore erano colmi di paura mentre la guardava allontanandosi tranquillamente per incontrare gli uomini della sicurezza. Il suo ultimo sguardo sarebbe stato rivolto verso di lei che li assaliva uno per uno.

La dottoressa che sopravvisse all’incidente la nominò “The Expressionless”.

Non ci furono più suoi avvistamenti

Creepypasta Wiki Italia
la donna

Sono stato sempre attratto dalla foto in questione.
Mi spaventava, ma non riuscivo a staccarmene facilmente per via della sua natura “inumana”. Mi suscitava curiosità.

Let’s get this bread.

Le ricerche

Per iniziare, ho cercato qualsiasi informazione sulla storia originale, tentando di scoprire la data della prima pubblicazione.

Ricerca su Google del primo paragrafo:

I cenni più vecchi che sono riuscito a trovare sono due:

La prima traccia l’ho riportata poco sopra.
Qui, di seguito, la seconda.

https://creepypasta.tumblr.com/post/25953583300/in-june-of-1972-a-woman-appeared-in-cedar-senai#=

Non ha titolo, solo una breve introduzione che recita:

Non avevi intenzione di andare a dormire, vero? Questa è una collezione di storie di paura che girano su internet, conosciute anche come creepypasta. Se esse siano reali o meno sta a te deciderlohttps://creepypasta.tumblr.com/

Non è presente una data di pubblicazione…

Cercando nella sorgente HTML della pagina è presente, però, una stringa chiamata datePublished, che riporta 26/06/2012.

https://creepypasta.tumblr.com/post/25953583300/in-june-of-1972-a-woman-appeared-in-cedar-senai#=

Dato che il post su Creepypasta Wiki è di maggio 2012, questo sito è più recente di un solo mese.

Perfetto, possiamo appurare che la prima apparizione della creepypasta “The Expressionless” risale al 7 maggio 2012, caricata sul sito Creepypasta Wiki.

La foto

Si tratta di una foto scattata presumibilmente in un vero ospedale, molto probabilmente nel tempo indicato della storia, ossia gli anni ’70, a dire dagli abiti, e quelle due donne sembrano proprio due infermiere.

L’espressione della donna, se così si può chiamare, sembra davvero vuota e priva di ogni cenno di vita. Dubito addirittura che sia un essere umano truccato.

Dopo l’origine della creepypasta, viene il secondo quesito: La foto è reale? Se sì, cosa raffigura? Se no, chi l’ha creata?

Innanzitutto considero due cose:

  1. Nel 2012 i mezzi che si hanno oggi per ritoccare una foto anche banalmente non erano così diffusi. Ci sono persone che hanno visto qualcosa di diverso da Paint dopo anni e anni di Personal Computer;
  2. La maggior parte di coloro che scrivevano/trascrivevano queste storie erano persone (prevalentemente in età adolescenziale) con poco tempo libero o non totalmente dediti ai siti/forum esistenti. Le communities erano composte principalmente da lettori, non da scrittori;

Con questo mi sembra abbastanza plausibile che la possibilità che qualcuno abbia trovato un lettino d’ospedale, due donne sui 25/30 anni, due abiti da infermiera e una persona da ricoprire di trucco/cera o un manichino SOLAMENTE per fare la foto per una storia di paura, non sia attendibile.

Non credo sia concepibile che qualcuno, nel 2012, si sia preso lo sbattimento di scattare una foto del genere e chiudere baracca e burattini senza lasciar traccia o reclamare il fatto successivamente.
Personalmente, avrei scattato molte più foto, ma ciò avrebbe sicuramente attenuato se non drasticamente ridotto l’atmosfera della storia, in quanto l’alone di mistero non sarebbe più rimasto così come lo si ha con una sola foto.

Prendo la via dell’ipotesi che qualcuno abbia “rubato” la foto da un’altra fonte, senza citarla ovviamente, per allegarla sulla Creepypasta Wiki.

Cerco banalmente “infermiere con statua di cera” su Google:

https://www.google.com/search?q=nurses+with+waxwork

Beh, sembra che non mi serva approfondire troppo.

A quanto pare la foto è vera.

Si chiama “Student nurses with a waxwork patient“, letteralmente “Studentesse di infermieristica con un paziente di cera” ed è stata scattata nel 1968 dal fotografo Antony Armstrong‑Jones, conte di Snowdon.

La foto venne pubblicata in una sua collezione artistica chiamata “Assignments”, una raccolta di fotografie a detta dell’autore stesso come “una raccolta di momenti di tutti i giorni”.

https://medicinals.tumblr.com/post/934516798/lord-snowdon-student-nurses-with-a-waxwork
Una curiosa coincidenza è che la foto scattata da Snowden risale al 1968, ma la raccolta “Assignments” è stata pubblicata nel 1972, anno in cui la creepypasta è ambientata.

TL;DR

La creepypasta “The Expressionless” è stata scritta per la prima volta sul sito del Creepypasta Wiki, il 7 maggio 2012;

La fotografia che ritrae la misteriosa paziente inespressiva è in realtà una fotografia inserita in una raccolta artistica chiamata “Assignments“, redatta dal fotografo inglese Antony Armstrong‑Jones, la quale raffigura due apprendiste infermiere mentre coricano su un letto un manichino di cera, probabilmente per qualche esercitazione medica.

Mostra i Commenti