"Skibbidy bop um dada": le origini del meme che tutti hanno sentito ma pochi sanno da dove proviene

"Skibbidy bop um dada": le origini del meme che tutti hanno sentito ma pochi sanno da dove proviene


Sfido chiunque abbia un account su Instagram o YouTube a non saper riconoscere questo suono (attenzione al volume):

Questa sera non avevo nulla da fare (a parte andare a dormire prima delle 3 o completare una delle 30 bozze di articoli che ho in sospeso), quindi mi sono messo ad indagare sulle origini di questo meme, sorridendo al fatto che mi ricordasse un esercizio logopedico che facevo da bambino per sconfiggere la balbuzie da stress.

Il meme in questione è composto da un verso apparentemente privo di significato, il quale può essere trascritto come “skibbidy bop um dada“, seguito da una esplosione che, per contornare il tutto con un sapore un po’ dank, può essere anche così alta da rientrare nei meme denominati “ear rape“.

Non è facile iniziare delle ricerche se non sai neanche come si scrive quello che vuoi cercare, quindi sono andato a tentativi.

I risultati non sono stati così soddisfacenti.

Addirittura, subito dopo questo muro di video, compare un articolo del noto sito Know Your Meme, ma…

Non si tratta del meme che sto cercando, ma di un video caricato da un canale russo nel 2018.
Sembra che nessuno si sia mai interessato alle origini di questo memino…

Proseguiamo.

Santo Reddit, aiutami tu

Ricordo, in passato, di aver aiutato altre persone che come me erano alla ricerca delle origini di alcuni meme all’interno di un subreddit chiamato “Meme Origin”.

Se la risposta non la trovo neanche nella piazza centrale di Internet, non so dove dovrebbe essere!

Indovinate un po’?

Qualcuno, solo un mese fa, si è posto la mia stessa domanda! ᶜʰᵉ ᶜᵘˡᵒ

Senza contegno né ritegno, un utente chiamato DoopDeDoopDeDoop riporta un nudo e crudo “ReviewTechUSA”.

Inizio a cercare cosa fosse questo “ReviewTechUSA”, se un canale youtube, uno show televisivo, il nickname di uno youtuber…

Scopro che un certo Richard Masucci Junior, in arte “ReviewTechUSA“, gestisce un canale YouTube attivo almeno dal 2008 (anche se il primo video pubblico tuttora disponibile risale ad agosto 2009) e tratta recensioni a tema tecnologico e gaming.

Solo dopo 224 video, precisamente il 19 gennaio 2009, Richard carica un video chiamato “My “New” News Intro….“, che potete visionare qui di seguito:

Da notare l’icona di MegaUpload… Non ce la faccio, troppi ricordi.

Ebbene, ecco svelata l’origine dell’iconico “riff”, accompagnato come di consueto da una sonora esplosione (non in ear rape, per fortuna).

The End…?

La mia curiosità, però, non si sazia facilmente, così mi sono allargato con le ricerche per capire PERCHÉ quella intro esistesse. Ho cercato e cercato fino a scoprire che il tizio fotografato non è Richard. Si tratterebbe di un suo amico del college, un tale Matt, il quale venne fotografato mentre stava parlando e contemporaneamente sbattendo le palpebre, ottenendo una posa che Richard stesso definisce una “shitface“.

Altro punto interessante riguarda l’origine del famoso verso.

Negli anni ’90, Richard era in combriccola con i suoi amici di liceo Mike e Matt. Matt, un po’ come segno peculiare della sua personalità, era solito fare movimenti che ricordavano le robot dance (molto in voga in quel periodo), accompagnati da versi simil-robotici, un po’ come le voci sintetizzate delle vecchie console o computer.

In un suo video (che riporto qui di seguito), Richard racconta che, un giorno, Matt si era dimenticato qualcosa in macchina mentre stavano andando al centro commerciale, uscendosene con una esclamazione tipo “beep-boop-i forgot something in the car, man-bi-beep-boop“, facendo scoppiare a ridere i due amici. Mike rispose di getto “mi ricorda molto Scatman quando parla così veloce”.
Quella fu l’ispirazione per il suono che accompagna, da quel lontano 19 gennaio 2009, ogni suo video recensione.

Riflessioni delle 03:30

Mi sto rendendo conto ora che, dopo aver ascoltato per tutta la sera questo verso, l’intro di ReviewTechUSA mi ricorda in un modo molto lontano Aku Aku, di Crash Bandicoot.

Devo andare a dormire.

Mostra i Commenti